La piattaforma indipendente

per la tua formazione continua

Accedi
Registrati

Lesioni da pressione da DPI e nel paziente allettato: prevenzione, diagnosi e trattamento

Descrizione

Questo corso fornisce le indicazioni per una corretta gestione delle lesioni da pressione, tema di grande interesse e attualità sia perché le lesioni da pressione sono sempre più frequenti essendo sempre più numerosi i pazienti anziani allettati, sia perché l'attuale pandemia da SARS-CoV-2 ha fatto emergere le lesioni da pressione al volto da utilizzo continuo e protratto nel tempo dei dispositivi di protezione individuale.

Questo è il secondo corso del programma Novel learning che ambisce a unire i due filoni più importanti della medicina contemporanea e cioè l'evidence based medicine con la narrative medicine. Attraverso la sceneggiatura di una storia che si dipana ed esce dai confini della vita professionale, creando un'attesa rispetto a ciò che accadrà nelle puntate successive, si affrontano casi di pratica quotidiana, cimentandosi con le conoscenze della letteratura scientifica.

Lo spunto viene dalle serie televisive mediche che sempre maggior successo hanno negli Stati Uniti e che sono state oggetto di articoli in letteratura scientifica. Infermieri e medici saranno i protagonisti di Novel learning, insieme ai loro pazienti.

Al termine della prima serie avevamo lasciato Sofia, una tirocinante di scienze infermieristiche, in un momento cruciale della propria vita personale e lavorativa: sua sorella Lucrezia, impegnata in una battaglia ancora non vinta contro la leucemia, era collassata in casa da sola per un’infezione respiratoria associata a una grave anemia...
 
E intanto arriva la pandemia da SARS-CoV-2 a cambiare le vite di tutti
Aperto a
medici chirurghi, infermieri, ostetriche/i, farmacisti, assistenti sanitari, biologi, chimici, dietisti, educatori professionali, fisici, fisioterapisti, igienisti dentali, infermieri pediatrici, logopedisti, odontoiatri, odontotecnici, operatori socio-sanitari, ortottisti/assistenti di oftalmologia, psicologi, tecnici audiometristi, tecnici audioprotesisti, tecnici della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, tecnici della riabilitazione psichiatrica, tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, tecnici di neurofisiopatologia, tecnici ortopedici, tecnici sanitari di radiologia medica, tecnici sanitari laboratorio biomedico, terapisti della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, terapisti occupazionali
Crediti
5.00
Scadenza
14-12-2021
Prezzo
20.00 €
Prezzo di listino: 20.00 €
Sono presenti convenzioni a prezzi agevolati per gli aventi diritto
Accedi o Registrati per accedere al corso

Cimentati con un caso del corso

La pandemia da SARS-CoV-2 scoppia una settimana dopo le dimissioni di Lucrezia dall’Ospedale, trasformando la già complessa routine dello Zadig Hospital in un dedalo di pericoli e incertezze. La prima ondata di pazienti investe anche lo Zadig Hospital, dove viene allestito in fretta e furia un reparto di degenza COVID. Il Direttore Sanitario individua subito nel primario della Rianimazione, il dottor Paolo Cavadin, il responsabile del reparto di Terapia intensiva COVID. “Quello alto?” domanda Mariame. “Alto? Alto non rende l’idea”, replica Bosetti. “Avrei voluto fare domanda anche io” prosegue Mariame accarezzandosi il pancione. “Un rischio troppo grande nelle sue condizioni" la interrompe Bosetti. Come sempre, c’è un tono aspro nella voce del primario, come di rimprovero: ma per la prima volta, i suoi occhi esprimono qualcosa di diverso. Apprensione. Per lei, forse? Mariame preferisce pensare sia per la situazione generale: durante l’emergenza molti medici stanno rischiando sfinimento e contagio. E lo stesso vale per gli infermieri: in una fredda mattinata di fine marzo, Sofia e Mara si incontrano davanti al solito bar, la mascherina a proteggere bocca e naso. “Un periodo senza precedenti” esordisce Mara, spalancando la porta a vetri del bar per far entrare Sofia. “L’hai detto...” replica la ragazza. “E nonostante questo, sembra di non fare mai abbastanza”. Sia Mara sia Sofia hanno fatto domanda per il trasferimento in reparto COVID e sono state accettate immediatamente. Ma la guardia resta alta: il rischio di contagio è una presenza costante, e Sofia deve pensare anche a Lucrezia, che a casa, nonostante i recenti progressi, è ancora fortemente immunodepressa. “Ho una paura pazzesca di contagiarla, sarebbe un disastro...” “Potresti trovare un altro appartamento” suggerisce Mara mentre ordina i caffè. “Lucrezia potrebbe cavarsela da sola per qualche settimana, mentre tu cerchi un posto dove stare in cui non rischi di contagiarla”. Sofia fa no con la testa, sconsolata. “Non posso ancora permettermi un posto tutto mio”. “Magari a casa di un parente? Una zia, un cugino...?” “Siamo sole” taglia corto la ragazza: Mara capisce che Sofia non ha voglia di parlarne. Annuisce e prova a cambiare discorso per rischiarare un po’ l’atmosfera. “E con Fabrizio? Come sta andando, con quello scalmanato?” A Sofia si illuminano gli occhi: dopo la sorpresa del SOFIA RESTA IN CORSIA, Fabrizio ha continuato a scriverle e ormai si sentono spesso. “Mi sembra di conoscerlo da un secolo...”. Mara annuisce compiaciuta: Fabrizio è anche una sua vecchia conoscenza, è stato tirocinante sotto di lei prima di Sofia. “Mi ha chiesto di uscire, settimana scorsa” prosegue sommessamente Sofia. “Ma io sono un po’ titubante ad accettare...” “Titubante?” domanda stupita Mara. “E cosa c’è da titubare? Forse non ti piace?” Sofia scuote la testa. “Non è questo! Anzi...”. Ma non aggiunge altro. Arrivano i caffè, e le due infermiere rimuovono le mascherine per bere. Vedendo per la prima volta il volto di Sofia dopo il fine settimana, Mara comincia a condividere le sue preoccupazioni: una lesione da pressione in fase precoce le arrossa zigomi, sella del naso e mento. “Ouch... ora capisco perché non vuoi vederlo...” commenta sorniona Mara. “Come da manuale… Lesione che assume la forma del dispositivo di protezione… Ma la cute sembra intatta: forse possiamo evitare che peggiori”.
Accedi o Registrati per accedere al corso

Non hai trovato le informazioni o il corso che stavi cercando?

Vuoi organizzare corsi per gli iscritti alla tua azienda sanitaria, al tuo ospedale, al tuo ordine professionale, alla tua regione? Ci sono corsi che vorresti offrire in convenzione ai tuoi iscritti? Qualunque sia la tua esigenza SAEPE la può soddisfare

Programmi

SEDLex
FaViFaD
MeLaFlash
FADO
Instant Learning
SMARTFAD
FOFI
Novel learning
GENET
EPIFAD