La piattaforma indipendente

per la tua formazione continua

Accedi
Registrati

Long COVID: le conseguenze dell'infezione a lungo termine

182 voti / Leggi i commenti
Descrizione

Nelle fasi iniziali della pandemia la priorità è stata salvare più vite possibili e limitare la gravità della malattia in assenza di terapie di provata efficacia. Ora che si conosce meglio la COVID-19 c’è la speranza che la gestione dei casi acuti abbia esiti meno drammatici. Tuttavia, i medici di medicina generale e gli specialisti, alcuni dei quali hanno organizzato ambulatori di follow up in Italia e anche in altri paesi molto colpiti, iniziano a rendersi conto che alcuni pazienti, a distanza di settimane o mesi dalla negativizzazione e dalla remissione della fase acuta continuano a lamentare sintomi anche invalidanti a carico di vari organi. Questi pazienti sono stati definiti con terminologia anglosassone i pazienti “long COVID” o “long haulers”. Di questi tratta questo corso FAD, il primo nel suo genere.

Aperto a
medici chirurghi, infermieri, ostetriche/i, farmacisti, assistenti sanitari, biologi, chimici, dietisti, educatori professionali, fisici, fisioterapisti, igienisti dentali, infermieri pediatrici, logopedisti, odontoiatri, ortottisti/assistenti di oftalmologia, ottici, podologi, psicologi, tecnici audiometristi, tecnici audioprotesisti, tecnici della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, tecnici della riabilitazione psichiatrica, tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, tecnici di neurofisiopatologia, tecnici ortopedici, tecnici sanitari di radiologia medica, tecnici sanitari laboratorio biomedico, terapisti della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, terapisti occupazionali, veterinari
Crediti
2.60
Scadenza
31-10-2021
Prezzo
10.00 €
Prezzo di listino: 10.00 €
Prezzo minimo di convenzione: Gratis €
Accedi o Registrati per accedere al corso

Cimentati con un caso del corso

Milano, fine settembre 2020. Sono le 19 di un venerdì sera e il dottor Raffaele ha quasi finito di visitare i pazienti che, su appuntamento distanziato e previo triage telefonico, ha ricominciato a visitare nel suo studio di medicina gene- rale. È rimasto solo un paziente accompagnato dalla moglie e Raffaele spera che sia un caso semplice e che possa essere risolto rapidamente. È davvero stanco, anche per le tante ore passate al telefono per parlare con molti assistiti con patologie croniche, che durante la primavera e l’estate non hanno effettuato i loro controlli di routine e ora vogliono recuperare, tutti insieme.
In sala d’aspetto, attrezzata con cartelli che invitano a indossare correttamente le mascherine, al lavaggio delle mani e a mantenersi distanziati, attende di entrare Giovanni.
È un impiegato cinquantenne, che il medico aveva visto di rado prima della pandemia per una iper- tensione lieve in trattamento. Lo accompagna la moglie Daniela, insegnante, che è sempre stata il tramite fra il marito e il dottor Raffaele.
“Buona sera, dottore! Intanto volevo ringraziarla perché quando a giugno le avevo raccontato al telefono che avevo febbre alta, mal di gola e non avevo più appetito perché non sentivo più i sapori e gli odori, è riuscito a mandarmi a casa quei giovani medici vestiti da marziani che mi hanno fatto il tampone. Mi sono ovviamente spaventato quando poi lei mi ha detto che ero positivo per il virus e che dovevo stare in casa, ma le telefonate sue e del Servizio d’igiene mi hanno rassicurato e la fatica a respirare c’è stata solo per pochi giorni e solo quando mi alzavo dal letto” lo saluta cordialmente Giovanni.
Interviene la moglie: “Probabilmente allora mi sono presa la COVID anch’io, perché ho avuto un po’ di mal di gola e un paio di giorni di febbre, ma poi mi sono rimessa subito. Per fortuna lavoravo in smart working e sono stata a casa con lui senza uscire per tre settimane, facendomi portare la spesa da mia sorella, che la lasciava in ascensore. Ora prima di rientrare a scuola ho fatto il test sierologico, che è risultato positivo, mentre il tampone è negativo. Ma per Giovanni è stato diverso: anche se si è sfebbrato in una settimana e ha avuto i suoi due tamponi negativi, dopo non è stato più lo stesso”.
“Forse esageri un po’” cerca di minimizzare il marito.
“Però è vero che non mi sono più sentito bene, per settimane sono stato davvero senza forze e an- che ora mi manca il respiro se faccio anche piccoli sforzi e sono tutto dolorante. Può essere ancora la COVID o è solo nella mia testa? Ho visto che in internet ci sono molti gruppi di pazienti che sono nella mia stessa situazione”.
Accedi o Registrati per accedere al corso

Dicono del corso 1/58 voti

non mi piacciono i casi romanzati, preferisco avere notizie scientifiche e basta
03-12-2020
Accedi o Registrati per accedere al corso

Non hai trovato le informazioni o il corso che stavi cercando?

Vuoi organizzare corsi per gli iscritti alla tua azienda sanitaria, al tuo ospedale, al tuo ordine professionale, alla tua regione? Ci sono corsi che vorresti offrire in convenzione ai tuoi iscritti? Qualunque sia la tua esigenza SAEPE la può soddisfare

Programmi

SEDLex
FaViFaD
MeLaFlash
FADO
Instant Learning
SMARTFAD
FOFI
Novel learning
GENET
UPMC Academy
EPIFAD